Attualità

L'amministrazione comunale di Sala Consilina, guidata dal Sindaco Francesco Cavallone, come promesso, ha previsto una serie di agevolazioni sulle tariffe TARI in particolare per le attività commerciali e per i nuclei familiari a basso reddito.

Ieri sera il consiglio comunale, con l'approvazione unanime da parte dei consiglieri presenti, ha dato il via libera alle agevolazioni sulla tari di cui potranno beneficiare gli esercizi commerciali che, durante il periodo della pandemia hanno maggiormente sofferto per le disposizioni restrittive emanate dal Governo centrale, e per i nuclei familiari composti da 1 o più persone che abbiano reddito ISEE inferiore a 8 mila 265 euro oppure per i nuclei familiari individuati come famiglia numerosa con reddito fino a 20 mila euro.

Per tali nuclei familiari le agevolazioni previste dall'amministrazione comunale riguarderanno l'abbattimento per il 100% della parte variabile della tariffa. Ulteriori agevolazioni sono poi riconosciute ai nuclei familiari in base al numero dei componenti. Secondo quanto riportato in delibera e approvato nella serata di ieri, potranno beneficiare di riduzioni che vanno dal 40% al 70% le utenze non domestiche che abbiano subito restrizioni all'esercizio dell'attività. Le agevolazioni saranno applicate sulla parte variabile a tutti gli esercizi commerciali direttamente d'ufficio, a patto che gli stessi siano in regola con i pagamenti dei tributi legati alla TARI.

Per i nuclei familiari, oltre alle riduzioni del 100% per le famiglie con reddito inferiore agli 8 mila e 200 euro e per le famiglie numerose con reddito inferiore ai 20 mila euro, sono previste detrazioni che vanno dalle 47 euro alle 120 euro a seconda della composizione del nucleo familiare. Anche in quest'ultimo caso i contribuenti non dovranno presentare alcuna richiesta perché le agevolazioni saranno calcolate automaticamente.

Per quanto riguarda invece le utenze domestiche che prevedono l'abbattimento del 100% in base al reddito, le istanze per le agevolazioni dovranno essere presentate direttamente all'ente. I termini entro cui sarà possibile presentare le richieste saranno stabilite con successiva deliberazione.

Nel corso dell'assiste consiliare il sindaco Francesco Cavallone, replicando alla minoranza che non si è comunque presentata al consiglio in segno di protesta contro il provvedimento, ha sottolineto la bontà della proposta deliberativa ricordando come, con l'utilizzo dei fondi covid,i contribuenti si vedranno abbattuto e di molto il corrispettivo dovuto sia per le utenze domestiche che per quelle non domestiche.

Inoltre Cavallone ha anche ricordato come lo stesso decreto Sostegni che ha previsto l'erogazione dei fondi Covid, ha anche riconosciuto la possibilità ai comuni di utilizzare gli stessi fondi per praticare agevolazioni sulla TARI che l'amministrazione comunale ha voluto erogare sotto forma di contributi

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.