Attualità

Progetti per oltre 30 milioni di euro ideati dal Consorzio di Bonifica Vallo di Diano-Tanagro presieduto da Beniamino Curcio che, vista la possibilità di poter usufruire di importanti risorse finanziari con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, si è già da tempo attivato con tutti i dipendenti dell'ente consortile per far si che le progettazioni potessero essere pronte per la presentazione ai bandi.

In una lunga lettera il Presidente Curcio, elenca le numerose opere su cui si sta lavorando, alcune già eseguibili, altre già finanziate, altre già candidate a finanziamento mentre per altre sono pronte ad essere inserite nel primo bando utile per l'ottenimento dei fondi. Nella lunga lettera in cui spiega le diverse opere a cui si sta lavorando, parla dell'importanza dei fondi del Recovery come un'opportunità che non si può assolutamente perdere e che necessita una riprogettazione totale guardando con estrema attenzione al futuro. Un futuro che deve necessariamente passare per una condivisione ed una collaborazione tra enti che non può escludere il Consorzio di Bonifica Vallo di Diano -Tanagro per il suo ruolo a tutela dell'agricoltura vista non solo come settore economico da potenziare ma anche per la tutela ambientale.

"Dare impulso all’attività progettuale del Consorzio - sottolinea Beniamino Curcio - è senz’altro uno degli obiettivi primari che mi sono prefissato all’atto dell’insediamento alla guida dell’Ente, avvenuto poco meno di tre anni fa. una necessità per dotare il Consorzio di un adeguato parco progetti". Un'attività che ha portato alla realizzazione di numerosi progetti tutti di gande importanza e valore che il presidente del Consorzio ah elencato partendo dall'iniziativa relativa alla Regolazione dei deflussi della parte alta del bacino idrografico del Fiume Tanagro e utilizzo delle acque in agricoltura”, progetto che si identifica con la DIGA nel Comune di Casalbuono. Pochi giorni fa, è stato presentato un progetto per il finanziamento con i fondi del PNRR per un importo di oltre 4 milioni di euro denominato “Irrigazione dell’Area del carciofo bianco".

L'irrigazione è il punto di riferimento anche per un altro progetto del valore di poco meno di 6 milioni e mezzo denominato “Lavori di ammodernamento e ottimizzazione dei sistemi irrigui consortili alimentati con reti in pressione", anche questo già candidato a finanziamento. I sistemi di pompaggio con opere di efficientamento sono al centro di un progetto che prevede una spesa di circa 7 milioni di euro la cui candidatura avverrà entro il prossimo mese di novembre. Approvato e finanziato nel 2019 il progetto atteso della Sistemazione Idraulica del Fiume Tanagro per un importo di oltre 10 milioni e 600 mila, iniziativa progettuale che sta particolarmente a cuore all'ente consortile e che, nell'aprile scorso ha visto l'approvazione del 1° lotto di opere. A ciò si aggiunge poi il progetto della Ciclovia del Tanagro in corso di realizzazione con il Parco Nazionale Cilento Vallo di Diano e Alburni.

"Abnegazione e professionalità va riconosciuta alla struttura tecnica del Consorzio cui va tutta la mia gratitudine, unitamente all’Amministrazione dell’Ente che mi sta accompagnando in questa entusiasmante avventura. Abbiamo inteso mettere su un programma pluriennale di opere che guarda al futuro, ma che si fa carico già delle esigenze di oggi. E’ con questo spirito che il Consorzio si propone a dare il proprio contributo in una logica di sistema nel processo di costruzione dell’auspicato Piano Strategico. Non farlo significa rassegnarsi a rincorrere altri territori che sono già partiti e sono già “attrezzati” per intercettare i finanziamenti".

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.