Cronaca

Questa mattina la conferenza stampa tenuta dal procuratore capo della Repubblica presso il Tribunale di Lagonegro il dott.  Vittorio Russo con il capitano della compagnia Carabinieri di Sala Consilina il capitano Davide Acquaviva ed colonnello Antonino Neosi comandante provinciale della compagnia Carabinieri di Salerno. Una conferenza stampa in cui è stato ripercorso la sera del delitto del 18enne Antonio Pascuzzo ad opera del coetaneo Karol Lapenta dopo il messaggio inviato, in un italiano poco chiaro a Antonio Pascuzzo per fissare l'appuntamento per l'acquisto della droga. I due si sono incontrati dietro la palestra comunale ed è lì che si è consumato l'omicidio scaturito per futili motivi come spiegato dal Procuratore Russo e senza essere preceduto da un litigio. Un elemento da cui è poi partita l'ipotesi di premeditazione, la decisione del Lapenta di recarsi all'incontro con un coltello da macellaio nello zaino

Il coltello, è stato successivamente rinvenuto su indicazioni dell'assassino e, l'autopsia, ha confermato che le ferite sono compatibili, come spiegato dal capitano Davide Acquaviva, comandante della compagnia carabinieri di Sala Consilina che, avvalendosi di slide e foto ha anche spiegato nei dettagli cosa è accaduto la notte del 6 aprile. Il Capitano Acquaviva partendo dal ritrovamento del cadavere, rinvenuto nel torrente Peglio dietro la Palestra comunale riverso a faccia in giù ha anche parlato della bicicletta e del perché è stata rinvenuta all'interno della palestra comunale chiusa

In poche ore dal rinvenimento del cadavere i carabinieri sono riusciti subito ad individuare il colpevole complice, come spiegato dal Colonnello Antonino Neosi, comandante provinciale del Carabinieri, una intensa attività di indagine che i militari dell'arma avevano condotto ai fini del ritrovamento di Antonio Pascuzzo in vita e che aveva comunque escluso immediatamente la possibilità che il giovane si fosse allontanato dal paese

Chiara quindi per gli inquirenti dinamica e omicidio ma non si esclude un supplemento di indagini anche in base a quanto emergerà in sede dibattimentale  

Anna Maria Cava

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.