Cronaca

Un'altra maxi operazione vede coinvolte diverse aree del meridione d'Italia partendo dalla Puglia con le procure di Lecce e Taranto che sono entrate in azione insieme alla Procura di Potenza per le operazioni effettuate nel Vallo di Diano che hanno visto l'esecuzione di ulteriori 10 misure cautelari da parte dei carabinieri della Compagnia diretta dal Capitano Cristinziano e denominata la Febbre dell'Oro.

In questo caso le indagini hanno permesso di scoprire una vera e propria organizzazione criminale dedita al contrabbando di idrocarburi e denominata la Febbre dell'oro Nero che, anche in questo caso, ha visto coinvolto Raffaele Diana legato da affari con una società di carburanti del Vallo di Diano.Un coinvolgimento che puntava ad allargare l'azione criminale in un territorio come il Vallo di Diano che risultava incontaminato.

45 le misure cautelari emesse nel complesso di cui 10 nel Vallo di Diano. 45 le misure cautelari emesse nel complesso di cui 10 nel Vallo di Diano. Le accuse vanno dall'associazione mafiosa all'associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati. Dalle indagini sono stati accertati collegamenti con i clan casalesi. Le indagini che hanno riguardato il Vallo di Diano sono partite nel 2018. 

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.