Cultura

Cultura

Da ieri sera è aperta la mostra Labirinto con l'esposizione delle opere di Donato Stabile con l'artista che, insieme ad Antonio Mastrandre, responsabile segreteria di direzione generale della Banca Monte Pruno che ha sostenuto l'iniziativa e al sindaco di Roscigno pino palmieri, ha effettuato il taglio del nastro ed ha aperto ufficialmente l'esposizione di bellissime opere d'arte.

L'arte, la cultura e la storia si fondono nuovamente insieme a Roscigno, grazie all'iniziativa che vede in prima linea la Banca Monte Pruno a sostegno degli artisti del territorio ma anche per valorizzare e offrire ulteriori opportunità di mettere in evidenza la bellezza e la suggestività di Roscigno Vecchia, dove il tempo sembra si sia fermato e dove l'arte riesce a ben integrarsi con l'ambiente circostante. Torna anche quest'anno l'iniziativa dell'istituto di credito diretto da Michele Albanese che, lo scorso anno, ha messo in evidenza come Roscigno Vecchia, la Pompei del '900, possa ben svolgere il ruolo di galleria d'arte dove racchiudere le opere che vengono realizzati soprattutto dagli artisti locali.

L'amore e il forte legame con Roscigno da sempre manifestato dal direttore Albanese, luogo che ha dato i natali alla Banca Monte Pruno, costituita per volontà della gente del piccolo e suggestivo comune degli Alburni, come l'amore verso l'arte e la voglia di sostenere le eccellenze del territorio, hanno portato lo scorso anno ad allestire la mostra dell'artista originario di Roscigno Donato Stabile. Un'esposizione che, sia per la location  che per le opere scelte dall'artista per la mostra, ha raccolto un grande seguito e notevole ammirazione con i turisti che, recatisi a visitare l'antico e suggestivo borgo di Roscigno vecchia, potevano ammirare anche opere artistiche di grande pregio risvegliando un grande interesse per l'arte.

A ciò si aggiunge che, l'evento espositivo viene realizzato all'interno di Casa Passarella, antica casa recuperata di Roscigno Vecchia, patrimonio UNESCO riuscendo in maniera ottimale a mettere insieme in una interessante e coinvolgente sinergia, arte e territorio. Presenti all'inaugurazione della mostra, insieme ad Antonio Mastrandrea anche il preposto della filiale di Roscigno Ernesto Picecchi e i referenti delle filiali di Roscigno Laurino e Piaggine. La mostra resterà in allestimento fino al prossimo 16 settembre  

 

Anna Maria CAVA 

Cultura

Nell’ambito della rassegna “Padula 2018, non solo cultura….”, il Circolo sociale Carlo Alberto 1886, in partnership con la Banca Monte Pruno e la Tubifor dei F.lli Fortunati, e con la collaborazione dell’Associazione Monte Pruno Giovani, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padula e la Comunità Montana “Vallo di Diano”, presenta l’ “INCONTRO CON L’AUTORE”.

Lunedì 13 agosto 2018, alle ore 20:00, nella Sala Convegni della Certosa di S. Lorenzo, sarà presentato l’ultimo libro di Maurizio De Giovanni dal titolo “IL PURGATORIO DELL’ANGELO. Confessioni per il Commissario Ricciardi”. La storia narrata, ambientata negli anni trenta, vede come protagonista il Commissario Ricciardi che, pronto a costruire un futuro con Enrica, decide di metterla al corrente del segreto che a lungo lo ha tenuto lontano da lei.

Non subito, ma dopo aver chiesto consiglio alle persone che gli sono più vicine.Intanto, però, la città è scossa da un tragico evento: un anziano prete, di origini nobili ma amatissimo dal popolo alla stregua di un santo, è trovato morto in riva al mare, a Posillipo. Un omicidio efferato dal movente quanto mai oscuro. Un mistero che Ricciardi, sottoposto a pressioni fortissime, dovrà risolvere nonostante i problemi personali che lo tormentano.

L’autore di questo giallo, il napoletano Maurizio De Giovanni, seppur arrivato tardi alla ribalta nazionale, già vanta grandi successi come i romanzi “I bastardi di Pizzofalcone” e  “Le mani insanguinate”. E’, insieme ad Andrea Camilleri e Antonio Manzini, il giallista italiano più amato da pubblico e critica. Una garanzia per il genere letterario, insomma. Non resta che aspettare la presentazione del 13 agosto, così da venire a conoscenza della trama completa del romanzo e delle ragioni che hanno portato l’autore a scriverlo.

Federico D’ALESSIO

Cultura

Resterà aperta per un mese la mostra di pittura in via Matteotti a Sala Consilina. I locali ospitano varie realizzazioni con tecniche poliedriche provenienti dall’estemporanea lanciata negli anni dalla locale associazione Allegracore, opere che poi sono state consegnate definitivamente al sodalizio. Ad aprire le porte della mostra che può essere visitata dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19:30, dal lunedì al sabato è Margherita Mecca che, affiancata da alcuni volontari come Vincenzo Barrese e le sorelline Chiara e Noemi D’Alessio, illustra alcuni importanti particolari. 

Hanno voluto partecipare all’evento culturale svariati artisti che hanno catturato angoli salesi che si possono ammirare soprattutto nello straordinario e suggestivo centro storico. Zona San Pietro, la Cappella Acciari, Palazzo Vesci, ma anche tanti volti che appartengono a questo territorio sono stati riportati per suscitare emozioni a prima vista.

Figure, colori e suggestioni tali da incuriosire e attirare l’avventore che rimane piacevolmente colpito da queste immagini. Margherita Mecca si sofferma anche sui balconi e sulle finestre che, a san Pietro e a san Raffaele vengono abbelliti con fiori bellissimi che non passano inosservati, e sulle particolari cartoline pure in mostra. L’anno prossimo intanto verranno premiati anche gli angoli più suggestivi di Sala Consilina.

Antonella CITRO

Cultura

“Il parroco della SS. Annunziata di Sala Consilina don Michele Totaro ha comunicato all’amministrazione salese che dal racconto chiamato Believe. Crederci nonostante tutto di Gerardino Curto è nata un’iniziativa socio culturale rivolta alle comunità parrocchiali del luogo e di tutta la diocesi di Teggiano Policastro, ai giovani e alle famiglie del territorio, per la cui promozione, sia il parroco che l’autore hanno programmato di presentare al pubblico il libro che ha ispirato il Progetto Believe”, è quanto si apprende dalla delibera di giunta dello scorso 25 luglio con la quale l’amministrazione guidata dal sindaco Francesco Cavallone ha concesso il patrocinio morale alla presentazione del libro di Curto che si terrà l’8 settembre alle 18 nell’aula magna della scuola primaria dell’istituto comprensivo Camera di Sala Consilina.

I consiglieri salesi hanno cioè riconosciuto l’alto valore socioculturale dell’iniziativa che vuole suscitare e indurre una riflessione quasi doverosa sui valori più veri e importanti dell’uomo, si vuole inoltre valorizzare anche il contesto sociale cittadino.

“Se vivremo la nostra vita intensamente, senza rimpianti, allora chi si ricorderà di noi lo farà con un sorriso. Se ognuno di noi apprezzasse di più quello che ha e riuscisse a vedere di più i lati positivi delle persone. Tutto questo ci aiuterebbe a vivere meglio”, questo il senso di Believe. L’evento promuove e incentiva la lettura in un’ottica assai più ampia.

Con questo incontro si mette in risalto “la valorizzazione del territorio e la crescita socioculturale della comunità urbana attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso capace di influenzare in senso positivo la vita individuale e collettiva - si legge ancora nella delibera – ciò rientra nei compiti istituzionali del Comune di Sala Consilina iscritto nell’elenco delle Città che leggono 2018 – 2019”.

Antonella CITRO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.