Cultura

Cultura

carloalbertomagnag

Sabato 23 marzo alle ore 18,00 presso Sala Cultura del Circolo Carlo Alberto a Padula ci sarà la presentazione del libro Magna Grecia di Rolando Lambiase nell’ambito della rassegna “Incontro con l’autore” patrocinata dalla Banca Monte Pruno e dalla Tubifor.  Dopo i saluti dell’Assessore Filomena Chiappardo, interverrà a presentare il libro la storica dell’arte Emma Russo Carrara e le conclusioni saranno affidate all’autore Rolando Lambiase coordinerà i lavori Rosanna Bove Ferrigno consigliere del Circolo Carlo Alberto

Cultura

Lo scorso venerdì la Sala Cultura della Banca Monte Pruno a Sant'Arsenio è stata location di un nuovo ed importante appuntamento con la storia. Il circolo Banca Monte Pruno presieduto da Aldo Rescinito, insieme al Banca Monte Pruno del direttore Michele Albanese hanno voluto presentare al pubblico l'ultimo libro scritto da Felice De Martino "Il Giudice Brigante". Un nuovo appuntamento di grande valore storico che riempie così di contenuti e di eventi sempre di alto interesse la sala che Albanese, nella realizzazione del nuovo e funzionale edificio inaugurato nel 2012, ha voluto con forza al fine di creare uno spazio a disposizione delle comunità su cui opera, dove la storia, la cultura, la formazione e l'arte in ogni sua forma potessero manifestarsi in tutta libertà.

La Sala Cultura, così come la costituzione del Circolo Banca Monte Pruno guidato da Aldo Rescinito, sono quindi al servizio delle comunità nel campo culturale che, inevitabilmente comprende anche la storia di un territorio. Come la storia di Montesano legata fortemente al nome dei Gagliardi. Oltre al noto Filippo Gagliardi benefattore del Vallo di Diano, merita di essere ricordato anche Francesco Maria Gagliardi il Giudice Brigante.

Ma chi era il Giudice Brigante, alias il Giudice Francesco Maria Gagliardi lo ha voluto raccontare Felice De Martino nel libro "Il Giudice Brigante, realizzato dopo un lungo lavoro di ricerca e recupero di documenti storici di grande valore ma purtroppo smarriti.

Anna Maria CAVA

 

 

Cultura

Prosegue con successo nelle scuole di Teggiano e all’Istituto Sacco di Sant’Arsenio il Progetto “Cittadinanza e Costituzione. La scuola in comune”, promosso dall’assessorato alla pubblica istruzione di Teggiano, retto da Maddalena Chirico, allo scopo di promuovere tra gli studenti la cultura della legalità. Stamattina i ragazzi del liceo artistico di Teggiano e del Sacco di Sant’Arsenio hanno incontrato  il Commissario Davide Bitorzoli, il magistrato Antonella Mariniello e l’avvocato Fabio Moliterno, i quali hanno relazionato sul tema Costituzione e legalità. Al complesso monumentale della S.S. Pietà di Teggiano ospite invece Sandro Ruotolo di fanpage.it sul tema Le mafie e il gionalismo d’inchiesta.

Cultura

Sarà sottoscritto giovedì 21 marzo alle 10.30 nell’Aula Consiliare del Comune di Polla il Patto Locale per la Lettura che mira a ridare valore all’atto di leggere come momento essenziale per la costruzione di una nuova idea di cittadinanza.  Il protocollo sarà firmato nel corso di un incontro pubblico a cui parteciperanno il Sindaco di Polla Rocco Giuliano, il Presidente del Consiglio Comunale Giovanni Corleto, il Dirigente Scolastico Paola Sabbatino, la Prof.ssa Alfonsina Medici, il Prof. Lucio Mori e il Dott. Giuseppe D'Amico, oltre a tutti i referenti delle Associazioni, delle Biblioteche, delle Case editrici, delle Librerie e soggetti privati, firmatari del Patto.

Nel 2018 la città di Polla ha ottenuto la qualifica di “Città che legge”, oltre a quella di "Città del Libro" ottenuta nel 2017 grazie alla Rassegna Letteraria Viaggi con l'autore ideata e realizzata dalle Autolinee Curcio in collaborazione con la Libreria "Ex Libris Cafè" di Michele Gentile. Proprio come “Città che legge” Polla si impegna a promuovere la lettura con continuità anche attraverso la stipula di questo Patto locale per la lettura che prevede una stabile collaborazione tra enti pubblici, istituzioni scolastiche e soggetti privati per realizzare pratiche condivise. Possono aderire al Patto

tutti coloro che condividono l’idea che la lettura, declinata in tutte le sue forme, sia un bene comune su cui investire per la crescita culturale dell’individuo e della società. Tra gli scopi del Patto: riconoscere l’accesso alla lettura quale diritto di tutti; rendere la pratica della lettura un’abitudine sociale diffusa e riconosciuta; avvicinare alla lettura le famiglie in cui si registra un basso livello di consumi culturali; ma anche far leggere di più i bambini sin dalla prima infanzia; e consolidare le abitudini di lettura, soprattutto nei ragazzi. I firmatari del Patto della Lettura si impegnano dunque a supportare la rete territoriale per la promozione della lettura, coinvolgendo i soggetti che a livello locale possono offrire il loro contributo, in base alle rispettive capacità e competenze.

Antonella D'ALTO

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.