Eventi

Eventi

Anche quest'ultimo fine settimana festivo a Teggiano sarà all'insegna dell'atmosfera natalizia grazie alla riproposizione, da parte degli organizzatori dei mercatini natalizi nel Chiostro di San Francesco che saranno arricchiti anche da momenti di grande divertimento e di coinvolgimento dei bambini, veri protagonisti della festa dell'Epifania.

A partire da questo pomeriggio alle 16,00 e poi domani, domenica 5 dicembre a partire dalle ore 10,00, sarà nuovamente possibile trascorrere alcune ore di serenità e allegria tra i suggestivi e simpatici mercatini natalizi, riproposti a grande richiesta nel suggestivo scenario dell'antico Chiostro di San Francesco dove, peraltro, l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Michele Di Candia, ha previsto anche una piccola sorpresa per i bambini.

Domani mattina alle 12,00 infatti, presso l'area di allestimento dei mercatini, è previsto un momento di incontro nel nome dell'ambiente vicino all'albero "“Ricicliamo e decoriamo” dove i piccoli bambini teggianesi riceveranno piccoli doni della befana. “Dopo il successo dei precedenti fine settimana –fanno sapere dall’amministrazione comunale di Teggiano- anche se non era previsto abbiamo voluto prolungare la positiva esperienza dei Mercatini di Natale anche nel week-end che precede l’Epifania. I nostri ringraziamenti per questa bella iniziativa vanno alla Camera di Commercio di Salerno e, per l’organizzazione generale e l’allestimento, a Giovanna D’Elia e Salvatore Trezza.

Infine un ringraziamento speciale va agli Istituti Scolastici che, con i loro stand, hanno voluto partecipare ai Mercatini: il Pomponio Leto di Teggiano e il Sacco di Sant’Arsenio”. Anche in questi ultimi giorni di festività, sarà quindi possibile trascorrere a Teggiano momenti di serenità respirando l'atmosfera natalizia, tra le suggestive luminarie e le statue del Presepe della Misericordia di Montevergine ad Altezza naturale, con la possibilità di acquistare simpatici oggetti di artigianato locale come idee regalo.

Anna Maria CAVA

Eventi


Domani, 5 gennaio, giornata dedicata alla cultura e alla solidarietà a Polla. Con l’Associazione Lilium, presieduta da Teresa Calvino, riprende anche nel 2020 Domenica al Museo e, sta ormai diventando una consuetudine coincidendo con il periodo dell’Epifania, ritorna l’iniziativa delle Calze solidali.

Guide esperte ed autorizzate domani guideranno i presenti alla scoperta di due dei maggiori luoghi di interesse storico - culturale di Polla. Ad essere visitabili: il Santuario di Sant'Antonio e il Museo civico Insteia, dalle ore 11 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 17. Che per l’occasione diventeranno anche punti di solidarietà. Questa prima domenica del mese di gennaio cade nel giorno prima dell'Epifania e allora i membri dell'associazione Lilium in collaborazione con l'associazione internazionale Ali Onlus, ripropongono le Calze Solidali per la popolazione del Venezuela.

La profonda crisi infatti continua senza sosta, anche se non se ne parla più molto, ad attanagliare il Paese sudamericano. E continuano a mancare soprattutto farmaci. L'associazione Ali, da diversi anni è impegnata nel recupero di beni di prima necessità. Che si possono sempre consegnare nella Sede presso la Chiesa di Sant'Anna a Sala Consilina. Ma domani, grazie alla sensibilità di Lilium, si può far riferimento anche ai siti culturali aperti a Polla per la Domenica al Museo.

“Dopo il successo dello scorso anno – spiega Teresa Calvino – iniziamo anche quest'anno abbinando alla cultura la solidarietà, un binomio vincente alla portata di tutti. Si possono donare presidi sanitari e medicinali per malattie croniche o di uso più frequenti (quali antibiotici, antiepilettici, antipiretici, farmaci per tonsille, farmaci per diabete, corticosteroidi, ecc..), anche quelli che magari non servono più perché la terapia è finita, purché siano integri e non scaduti) così come si può acquistare e portare latte liofilizzato per i bambini.Invito – conclude Teresa Calvino – tutti a contribuire alla causa realizzando una calza solidale”.

Rosa ROMANO

 

Eventi

Il circolo sociale Carlo Alberto 1886 riparte inn questo nuovo anno con i suoi appuntamenti culturali priimariamente dedicati alla valorizzazione della cultura locale. E lo fa con una importantissima iniziativa che vuole mettere al centro dei ricordo un indimenticabile scrittore e giornalista del novecento Giovanni Russo, socio onorario del sodalizio preseiduto da Felice Tierno. Domani, sabato 4 gennaio, a partire dalle ore 17,00 l'incontro dal titolo "Giovanni Russo e le memorie Padulesi", promosso dal Circolo Carlo Alberto in collaborazione con la Banca Monte Pruno, l'ente Parco Nazionale Cilento, Vallo di Diano e Alburni e la TUBIFOR dei F.lli Fortunati.

Durante, l'evento, grazie alla presenza della giornalista Giulietta Rovera, compagna di Giovanni Russo, sarà ricordato il lato umano del giornalista e scrittore che era stato un forte sostenitore del meridionalismo, raccontato con sguardo critico e imperiosi in numerosi volumi di cui era autore. Libri e scritti che saranno analizzati dal Prof. Emilio Giordano, relatore del convegno che si aprirà con i saluti del presidente del Circolo Felice Tierno e di Antonio Mastrandrea Responsabile segreteria della Direzione Generale Banca Monte Pruno.

Ad impreziosire la discussione sul noto scrittore e giornalista del Corriere della sera ci sarà l'intervento di Giuseppe D'Amico, giornalista e storico che, come Giovanni Russo ha avuto modo di analizzare la vita del mezzogiorno e del territorio nei sui tanti volumi avendo così la possibilità di mettere anche a confronto idee e posizioni sulla storia tutta da raccontare del Meridione. Domani pomeriggio appuntamento quindi da non perdere a Padula presso la sede sociale del Circolo Carlo Alberto 1886 di Via Tenente D'Amato nel centro storico padulese.

Anna Maria CAVA

Eventi

caggianoapolito

L’antropologo a domicilio, l’interessante iniziativa del prof. Paolo Apolito, fa tappa a Caggiano. Domani, 4 gennaio, presso l’Atrio comunale andrà in scena il monologo teatrale “Tre compari musicanti – storie minime nella grande storia: briganti, borbonici, francesi” a partire dalle ore 19. Paolo Apolito è professore di Antropologia culturale all’Università di Roma tre e all’Università di Salerno. Ha ideato “l’antropologo a domicilio”, uno spettacolo in cui attraverso il teatro presenta un libro. Così da “arrivare – dice – anche a chi i libri non li legge o li legge poco, soprattutto quelli di saggistica”.

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.