Eventi

Eventi

Manca davvero poco per il più grande evento concertistico del Vallo di Diano con l'arrivo ad Atena Lucana, grazie ad Anni60 Produzioni di Fiorella Mannoia nel suo Personale Tour. Giovedì 10 ottobre, al Gran Teatro Paladinaflex di Atena Lucana, la grandissima e amatissima cantante italiana sarà protagonista di un concerto che resterà nel cuore del pubblico che affollerà il gran teatro.

13 brani e 13 storie che raccontano consapevolezze e prese di coscienza, riflessioni su se stessi, sull’umanità, sulla vita e sui sentimenti, in tutte le loro sfaccettature, il disco è anche – come dichiara l’artista – una «piccola e umile “personale”», da cui il titolo. Ma non sarà solo una serata di grande musica dove sarà possibile ascoltare brani di grande intensità cantanti da una voce ineguagliabile, ma sarà anche una serata di spettacolo. Infatti il personale Tour di Fiorella Mannoia sarà arricchito dalla proiezione di diverse fotografie realizzate dall'artista in varie parti del mondo. La scelta dei brani è stata studiata per incantare il pubblico, alternando brani come "Il Senso", il peso del Coraggio, Impoarare ad essere una donna, l'amore al potere, ed altri, con brani che hanno costellato la brillante carriere di Fiorella Mannoia e che hanno reso la cantate un'artista capace di entrare nei cuori delle persone. Parliamo di canzoni come Quello che le donne non dicono, il Cielo d'Irlana, Sally, Combattente, i treni a vapore, ed altri.

Ad accompagnare Fiorella Mannoia sul palco durante il tour ci sono i musicisti Diego Corradin alla batteria, Claudio Storniolo al pianoforte e tastiere, Luca Visigalli al basso, Carlo Di Francesco alle percussioni e alla direzione musicale, Max Rosati e Alessandro "Doc" De Crescenzo alle chitarre. Anni 60 produzioni, intanto, si sta già preparando per portare al Paladinaflex e nel Vallo di Diano un altro grandissimo cantautore italiano. Il 15 novembre, infatti, ad Atena Lucana Scalo arriverà Francesco Renga con "L'altra metà del tour"

Anna Maria CAVA

Eventi

Molto partecipato ieri a Polla l’appuntamento mensile con Domenica al Museo lanciato dal MiBACT per la promozione delle bellezze storico-artistico-culturali italiane. Una grande occasione soprattutto per quelle meno conosciute. E Polla ne può vantare tante. Ogni prima domenica del mese è possibile un tour gratuito sotto la guida esperta dell’Associazione Lilium, presieduta da Teresa Calvino, tra il Santuario di Sant'Antonio e la Cappella San Rocco, il Museo civico Insteia, la Chiesa di San Nicola dei Latini. Si dicono molto soddisfatti dall’Associazione per il riscontro ottenuto ieri quando nella cittadina sono arrivati, appositamente per fruire delle sue bellezze, diverse comitive: due pullman dalla Calabria e uno da Nocera Inferiore. E poi turisti da Salerno, Battipaglia, oltre che dal Vallo di Diano. 

Polla non è solo chiese e musei. E l’Associazione Lilium lavora per farla conoscere nella sua interezza con le tante le attività che organizza in autonomia e in collaborazione con altri soggetti locali. Nei prossimi due appuntamenti in programma, il 13 e il 20 ottobre, accompagnerà gli ospiti della Pro loco tra il patrimonio storico-artistico-culturale.

Domenica prossima Cultura e Slow trekking con il suggestivo percorso, di circa 3 ore, “alla scoperta di luoghi di epoca romana; "che testimoniano - raccontano gli organzzatori - il graduale processo di romanizzazione avvenuto nel II secolo a.C. Tale processo ha arricchito in maniera inesorabile il territorio lasciando visibili dimostrazioni di un'epoca che seppur lontana risulta essere intramontabile”. Il 20 ottobre invece la Passeggiata storico-artistica: "un viaggio - anticipano - nel Centro Storico e alla scoperta del “castrum Pollae”, il centro abitativo sorto in collina intorno al X secolo dopo lo spopolamento della zona del Forum per via delle invasioni barbariche. Sovrastato da un castello con 4 torri e circondato da spesse mura di cinta. Per accedervi le cinque Porte: dei Cavalli; del Rosario; della Montagna; della Scala; Del Bagno. Vi era poi anche una porta “secondaria” denominata Portello. Un tour affascinante tra le viuzze del paese per ammirare i portali dei palazzi nobiliari e gli edifici storici; intrigante perché unisce la sacralità e la maestosità delle Chiese al profano della leggenda che lega il Castello a una strega: Maria Marmora".

Rosa ROMANO

 

Eventi

0610pararaduno6

Pronti, via…! Parte l'8° Pararaduno Antonio Finamore. Creace di anno in anni la partecipazione a dimostrazione di quanto sia attesa la giornata che vede come protagoniste assolute le persone affette da disabilità. Questa giornata dedicata al giovane Antonio Finamore, deceduto a seguito di un incidente stradale, viene organizzata ogni anno dall’associazione omonima guidata dalla madre di Antonio Gianna Aumenta al fine di regalare ore di serenità e divertimento a chi è meno fortunato.

0610pararaduno

Inoltre l’evento ha anche un fine benefico. In ogni edizione infatti, il luogo di arrivo del Pararaduno riceve in dono giostrine speciali per disabili da istallare nelle aree giochi comunali. Quest'anno a beneficiare dei doni dell’associazione Antonio Finamore sarà l'area giochi adiacente la Chiesa di Sant'Anna a Sala Consilina dove è stato interamente riqualificata l'area giochi grazie al supporto dell'amministrazione Comunale salese che ha predisposto la ripavimentazione dell'area con base interamente antiscivolo.

0610pararaduno4

Presenti all'inaugurazione con la benedizione del parroco della Chiesa di Sant'Anna Don Luciano Laperuta, anche il sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone che, insieme alla mamma di Antonio Finamore Gianna hanno tagliato il nastro della rinnovata area giochi 

Un parco dotato di giostre totalemnte inclusive adatte a tutti i bambini. Un parco giochi che vuole essere simbolo di abbattimento delle barriere sia fisiche che mentali con la realizzazione al suo interno di una casetta senza pareti proprio a simboleggiare l'apertura al mondo senza alcuna distinzione

0610pararaduno5

A 10 anni dalla morte di Antonio Finamore, ci si è riuniti numerosi nel luogo dove tantissime persone avevano voluto salutarlo, questa  volta per celebrere nel suo nome al vita. 

 

 

Eventi

 

Emozioni forti e la grandezza di una madre. Sono questi i sentimenti percepiti presso la scuola di Loc. Fonti a Sala Consilina per l’inaugurazione della sala Multisensoriale fortemente voluta da una mamma e da un papà per la loro bambina e per tutti i bambini con difficoltà, e realizzata grazie al buon cuore di alcuni sponsor che hanno chiesto di restare anonimi. Si tratta di una sala capace di stimolare le capacità cognitive dei bambini attraverso strumentazioni testate e ideate da specialisti. Una sala dove i bambini speciali, che maggiormente subiscono le fatiche della scuola, potranno rilassare le loro mente e, allo stesso tempo stimolare i 5 sensi per migliorare le loro capacità.

Una sala utilissima per la crescita di tutti i bambini e al servizio dell'intero territorio valdianese. Agnese Alberti, madre della piccola Lua, temendo difficoltà nel mandare la sua bambina a scuola, ha immaginato la presenza della sala. Un sogno che poteva sembrare difficile da realizzare ma che da ieri è invece diventato realtà e, allo stesso tempo anche occasione di festa. Grazie alla forza e alla resilienza di Agnese Alberti e di suo marito Gianluca Spinillo, la scuola di località Fonti rientra tra le pochissime strutture in Italia  ad essere dotata di una Snoezelen Room un ambiente accogliente e stimolate per le persone affette da autismo o da disabilità intellettiva ideata in Olanda negli anni '70. Per l'inaugurazione e la presentazione della sala Multisensoriale, erano presenti anche il sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone e la dirigente scolastica Patrizia Pagano che, sottolineando la forza e il coraggio di Agnese, hanno precisato come sia stati semplici strumenti per la realizzazione di un percorso che la famiglia Alberti Sinillo hanno voluto mettere al servizio si tutto il territorio.

Dopo i saluti il taglio del nastro e l'ingresso nella magnifica Snoezelen Room. Una volta all'interno è stato è stato proiettato un video in cui Agnese Alberti racconta la sua vita e quella della piccola Lua affetta dalla Sindrome di Rett. Una giornata di festa in cui i bambini delle scuole hanno poi allestito una serie di mini stand per l'esaltazione dei 5 sensi: il mimo per la vista, il giocoliere per il tatto, la musica per l'udito, piccole piantine degli odori utilizzati in cucina per l'olfatto, e un ricco buffet per tutti i presenti per stimolare il gusto.  

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.