Eventi

Eventi

Doppio appuntamento venerdì 11 settembre per “Il silenzio non ha prezzo”, la XXII edizione del festival “Luci della ribalta” in programma presso la Certosa di San Lorenzo a Padula, dal 4 al 26 settembre. Alle 12.00 il filosofo ed evoluzionista Telmo Pievani, che ricopre la prima cattedra italiana di Filosofia delle Scienze Biologiche presso il Dipartimento di Biologia dell’Università di Padova, sarà il secondo ospite del ciclo di conferenze in streaming, con l’intervento dal titolo “La terra non ha bisogno di noi”.

Alle 18.00 il primo appuntamento live del festival, dai fienili della certosa di San Lorenzo, con il concerto jazz di Alessandro Castiglione Trio con special guest Alfonso Deidda. Il trio jazz composto da Alessandro Castiglione alla chitarra, Antonio Napolitano al contrabbasso e Massimo Del Pezzo alla batteria è apprezzato soprattutto per freschezza di idee e la sensibilità melodica. Ospite di eccezione sarà Alfonso Deidda, sassofonista e polistrumentista della scuola salernitana di jazz, riconosciuto a apprezzato in ambito italiano ed internazionale.

Il tema di quest’anno di “Luci della ribalta” vuole richiamare gli argomenti dell’ambiente, della sostenibilità e del paesaggio antropico innovativo. Una sorta di Manifesto per madre terra, nel contenitore della Certosa di San Lorenzo a Padula, come hub permanente della cultura del rispetto, della tutela e della valorizzazione sostenibile del pianeta. Al ciclo di conferenze si affiancheranno eventi musicali e reading, con un programma di visite guidate agli ambienti della biblioteca e del monastero. Per partecipare è necessaria la prenotazione all’indirizzo email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Ingresso gratuito fino a esaurimento posti. Prossimo appuntamento il 18 settembre alle 12 con Stefano Mancuso per “La specie migliore” in streaming.

Antonella D'ALTO

Eventi

Il giovane talento musicale di Teggiano, Cono D'Elia sarà tra i protagonisti della finale del Premio Internazionale della Fisarmonica che si svolgerà a Castelfidardo in provincia di Ancona il prossimo 17 settembre. Un importate riconoscimento per il giovane valdianese che sta riportando in alto la tradizione musicale e l'apprezzato strumento della fisarmonica. La sua passione per la musica lo ha portato a costituzione di una band che, con la sua musica, riesce a regalare serate e feste speciali. Ma la sua arte non si ferma.

Con passione e amore partecipa alle iniziative dedicate al suo strumento preferito, la fisarmonica. Una passione ed una capacità artistica eccezionale confermata anche dal successo ottenuto nell'ambito delle selezioni per la partecipazione all'ambito festival che quest'anno ha raggiunto la 45esima edizione e che, seppur in maniera rivisitata a causa dell'emergenza Covid. L'evento che da 45 anni punta a tutelare la prestigiosa tradizione musicale adeguandola alle sfide dell'innovazione, non si ferma e prosegue nel suo percorso di crescita continuando peraltro a registrare una massiccia partecipazione alle selezioni.

Cono D'Elia, infatti, con la sua musica e la sua fisarmonica ha dovuto superare una fase selettiva agguerrita a cui hanno partecipato circa 200 aspiranti finalisti provenienti da ogni parte del mondo con l'ambizione di poter salire sul palcoscenico della serata finale del PIF. Tra i tanti partecipanti soltanto in 10 hanno superato le selezioni e, tra questi, c'è anche il nome di Cono D'Elia. Un risultato importate per il nostro giovane talento ma per tutto il territorio che continua ad emergere su importanti palcoscenici grazie alla tenacia e alla passione dei nostri giovani che non si fermano davanti alle difficoltà ma che si impegnano per cercare di superare ogni ostacolo.

Cono D'Elia, è riuscito ad essere risultato tra i finalisti della 45esiMA edizione del PIF in un momento difficile e attraverso una metodologia completamente diversa dal solito con le selezioni che si sono svolte online. I candidati sono stati chiamati ad eseguire un programma a scelta.

Anna Maria CAVA

Eventi

Tanti i giovani studenti che sabato scorso hanno preso parte a Teggiano alla presentazione del progetto DreamCoder 2.0, promosso da Nanoracks Space Outpost Europe di Torino, guidata dalla dottoressa Veronica La Regina e co-finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) e da RINA Consulting SpA. La comunità di Teggiano, rappresentata dal delegato alla cultura Conantonio D’Elia, è stata infatti scelta per effettuare la prima fase pilota del progetto, che prevede l’evoluzione del DreamCoder 1.0 al 2.0.

Il progetto vuole essere una risposta innovativa per il settore della formazione sensibilmente colpito dal lockdown come misura di controllo dei contagi da Covid-19. Lo strumento permette l’accesso digitale alla Stazione Spaziale Internazionale attraverso una scheda elettronica con 12 sensori attivabili dall’ utente tramite una web-console. DreamCoder 2.0 mira alla sensibilizzazione e alla formazione nell’ambito delle scienze spaziali con un’esperienza di programmazione in linguaggio python. Il progetto si sviluppa da oggi a mercoledì con tre sessioni dimostrative per l’accesso digitale a bordo della Stazione Spaziale Internazionale per misurare ad esempio la temperatura, la pressione, l'intensità luminosa, le radiazioni e tanto altro. La migliore linea di codice sarà poi inviata a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Durante la tre giorni sono previsti gli interventi di diversi esperti del settore spaziale, rappresentanti delle Agenzie Spaziali, astronauti e cosmonauti. Grande attesa per l’intervento mercoledì di Luca Parmitano, da poco rientrato dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Antonella D'ALTO

 

Eventi

Salgono a 10 i componenti del Forum dei giovani di San Pietro al Tanagro che si adegua così alle direttive europee favorendone anche il riconoscimento tra i forum nazionali. Sabato scorso, presso la sala convegni del comune di San Pietro al Tanagro, si è tenuta l'elezione dei nuovi membri ad integrazione dei nomi già esistenti del nuovo forum dei giovani. Il gruppo presieduto di Giovanni Pagliarulo, si avvarrà quindi di nuovi elementi per supportare e favorire i progetti dedicati ad una maggiore integrazione politica promuovendo azioni di carattere sociale.

Lo scorso giugno, il consiglio comunale ha approvato le modifiche al regolamento per la costituzione dei Forum dei Giovani come previsto dalla Carta Europea che, tra le nuove disposizioni, ha anche previsto il potenziamento dell'organico. Sabato scorso, alla presenza del sindaco Domenico Quaranta, del presidente del consiglio comunale Antonio Pagliarulo, dell'assessore alle politiche giovanili Antonio Boffa e di Pasquale Rinaldi quale consigliere del Forum dei giovani provinciale, sono stati eletti i nuovi giovani sanpetresi che entrano a far parte del consiglio direttivo del Forum dei Giovani di San Pietro al Tanagro che, da sabato scorso, è composto da 10 membri. Giovanni Pagliarulo, presidente del forum, sarà quindi sostenuto, nella realizzazione delle attività che saranno realizzate dal forum da: Chiara Quaranta, Pietro Marmo, Rossana Romano, Umberto Pio La Via, Michela Marmo, Simona Procaccio, Sebastiana Ferrigno, Melania Pia Mugnolo e Carlo Cardiello. "E’ sempre un momento di gioia per una comunità - dichiara il presidente Giovanni Pagliarulo - quando si costituisce un forum dei giovani, perché proprio i giovani sono il simbolo della continuità e del rinnovamento. Oggigiorno i nostri territori stanno combattendo contro la silente piaga dello spopolamento - continua Pagliarulo - e risulta quindi sempre più difficile avvicinare i giovani alla vita politica e sociale del proprio paese. Il nostro primo lavoro sarà quindi indirizzato a ripristinare quel sentimento di “comunità” che riesca a coinvolgere tutti i giovani del mio paese affinché si rinsaldi dentro di loro la consapevolezza di sentire il “dovere” di rappresentare il futuro”.

Incoraggiamenti al nuovo gruppo sono arrivati dal consigliere provinciale dei forum Rinaldi che ha spronato i giovani ad essere parte dei progetti decisionali che li riguardano impegnandosi a realizzare una politica giovanile globale che privilegi la dimensione associativa. Al termine della serata si è tenuta la premiazione del contest "Dipingi il tuo uovo di Pasqua" realizzata durante il lockdown. Premiate le creazioni di Erica, Siria e Carol mentre piccoli gadget sono stati consegnati a tutti i partecipanti al contest.

 

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.