Eventi

Eventi

L’Associazione Culturale Amici del Vallo di Diano, con sede a Cascina (Pisa), ha realizzato l’obiettivo di riunire nella stessa associazione i Valdianesi e i Cilentaniresidenti in Toscana. Finalmente trova luce un progetto di lunga data. La nuova denominazione dell’Associazione sarà dunque “Amici del Vallo di Diano e del Cilento”, e il nuovo logo, contraddistinto dai colori verde, ocra e azzurro, avrà una forma rotonda la cui scritta racchiuderà i territori del Vallo di Diano e del Cilento. Nuovo nome e nuovo logo, ma restano immutati le finalità e lo spirito costitutivo.

Vallo di Diano e Cilento rappresentano un unicum indivisibile, sia dal punto di vista geografico che antropologico, e coniugano la bellezza del mare con la maestosità della montagna. I due territori sono legati non solo dai confini geografici, ma soprattutto dagli elementi di continuità storica e culturale che li accomuna. Esistono dei toponimi, Vallo della Lucania e Atena Lucana, che ricordano l’appartenenza di quelle aree alla Grande Lucania. I due territori fanno parte del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.Il parco, istituito nel 1991, con i siti archeologici di Paestum, Velia e la Certosa di Padula è stato riconosciuto dall’UNESCO come “Patrimonio mondiale dell’umanità”. Dal 1997 è Riserva della biosfera e dal 2010 è il primo parco nazionale italiano a diventare geoparco.

L’inaugurazione della nuova sede sociale, ubicata a Cascina nel centralissimo Corso Matteotti, al piano terra della Casa comunale delle Associazioni, si terrà il prossimo mese di Ottobre. 

Federico D’ALESSIO

Per info telefonare al numero: 335 800 2885, oppure inviare una mail a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Eventi

Torna a Padula il festival Luci della Ribalta. L’edizione 2020 è dedicata al tema "Il silenzio non ha prezzo". "In contrappunto con la babele di parole retoriche ispirate alla pandemia - spiegano gli ideatori - un ciclo di conferenze online e eventi live declina i grandi temi dell’ambiente naturale, della sostenibilità, del paesaggio antropico innovativo, dell’internet dei valori. Filo conduttore trasversale, a bassa voce, un Manifesto per madre terra, nel contenitore della Certosa di San Lorenzo a Padula, sia nel senso di coniugare ogni singolo intervento, per quanto possibile, con il genius loci straordinario del Parco e del Monastero, sia di proporre la Certosa e Padula, appunto, come ‘luogo comune’ e hub permanente della cultura del rispetto, della tutela e della valorizzazione sostenibile del pianeta".

Luci della Ribalta 2020 sarà: conferenze, eventi musicali, reading in situ, visite guidate.

Oggi Luca de Biase il primo ospite del ciclo di conferenze in streaming, filo conduttore dell'intervento "Il parco è il messaggio".

L'11 settembre il secondo appuntamento. Alla mattina il webinar "La Terra non ha bisogno di noi" con Telmo Pievani e alla sera il concerto Jazz live dai Fienili della Certosa con Alessandro Castiglione trio e Alfonso Deidda. Poi il 18 settembre si riparte con il ciclo di conferenze: "La specie migliore" con  Stefano Mancuso, il 25 settembre invece "Che ambiente! un parco da meritare" con Ugo Leone. Il 26 settembre si conclude con il Reading ‘in silenzio’ de La setta dei poeti estinti, un live dai fienili della Certosa di San Lorenzo

Sarà possibile seguire tutti gli eventi in streaming sul sito www.ilsilenziononhaprezzo.eu e sulla pagina facebook e sul canale youtube de Il silenzio non ha prezzo. L’ingresso agli eventi live è gratuito fino a esaurimento posti e previa prenotazione obbligatoria a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Rosa ROMANO

Eventi

Dopo il successo della serata di apertura, prosegue ad Agropoli la rassegna del Settembre Culturale, giunta quest’anno alla XIII edizione.

Eventi

Bilancio più che positivo per la stagione concertistica “Diano in Musica”, organizzata dall’Associazione Flautisti Italiani, in programma ancora stasera a Teggiano, con l’ultimo concerto previsto presso la Chiesa di San Benedetto. Un progetto che vede protagonisti i giovani professionisti del territorio campano, per un connubio tra musica e cultura, con lo scopo di valorizzare i luoghi più belli del territorio valdianese e i giovani talenti locali.

Questa sera dalle 20,30, con ingresso contingentato e nel rispetto nelle norme anti covid, si esibiranno Simone Franciosa e Cristian Lombardi con Antonio Gomena al pianoforte. Ieri sera location gremita per l’attesa esibizione di Ylenia Cimino, giovane flautista di Teggiano, già riconosciuta a livello internazionale, come ha sottolineato anche il direttore artistico della rassegna, il Maestro Salvatore Lombardi. Con lei sul palco anche la flautista Delia Maria Fornaro e Marina Rosato al pianoforte.

Antonella D'ALTO

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.