Sanità

Potenziare il servizio sanitario valdianese. Dalla Conferenza dei Sindaci del Distretto 72 Sala Consilina- Polla, parte una richiesta di potenziamento dell'organico a supporto delle unità operative che maggiormente soffrono l'indisponibilità di personale medico ed infermieristico e che risultano quindi impossibilitate a svolgere le dovute prestazioni mediche alle comunità locali.

Ospedale di Polla, Ospedale di Sant'Arsenio e USCA, sono i destinatari delle richieste che il Comitato dei Sindaci del distretto sanitario 72, nella persona del presidente Francesco Cavallone, invia al Presidente della Regione Campania De Luca, al dirigente del servizio sanitario regionale Postiglione, al direttore dell'Unità Operativa Complessa di Emergenza 118 Montella, all'Unità di Crisi Regionale Covid e, per conoscenza al direttore generale dell'ASL di Salerno Iervolino.

Nella nota il comitato dei sindaci elenca le carenze di personale riscontrate e che riguardano: il reparto di pediatria a Polla dove, a seguito trasferimento di un medico pediatra, al momento si può contare sul solo primario in servizio; carenza di personale medico anche nei reparti di Broncopneumologia e neurologia dove si registrano difficoltà nella gestione dei pazienti ricoverati e ricoverandi; il reparto di anatomia patologica presso l'ospedale di Sant'Arsenio ad oggi è privo di medici a seguito trasferimento in altro nosocomio dell'unico medico in servizio; nel reparto Covid attivo presso il Luigi Curto di Polla si regista una carenza di personale infermieristico con un aumento del lavoro per medici ed operatori sanitari in servizio che stressa l'attività dell'intero presidio ospedaliero.

Inoltre si fa riferimento anche allo stop delle prestazioni ambulatoriali nonostante, presso l'ospedale di Polla siano stati predisposti percorsi e accessi separati ed autonomi. Inoltre il comitato dei sindaci chiede di ampliare il numero del eprsonale medico in servizio presso l'USCA di Sala Consilina che, visto l'aumento dei casi di contagio da Covid 19, risulta ora insufficiente. Elencate quindi le difficoltà che si stanno registrando ad oggi nel garantire il servizio sanitario alle comunità locali. Il Comitato dei sindaci espone le proprie richieste tramite il presidente Cavallone che invita i competenti organi amministrativi ad adottare con la dovuta urgenza i provvedimenti relativi.

Le richieste riguardano: potenziamento del personale medico ospedaliero del reparto di pediatria broncopneumologia e neurologia; sostituzione dell’unico medico trasferito dal reparto di anatomia patologica della struttura ospedaliera di Sant’Arsenio; potenziamento del personale infermieristico del reparto COVID-19; autorizzazione a svolgere l’attività ambulatoriale in concomitanza a quella di cura dei pazienti Covid-19; potenziamento del personale U.S.C.A. sul territorio.

Anna Maria CAVA

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.