Spettacoli

Spettacoli

Ancora un importante risultato per il giovane musicista di Teggiano Cono D’Elia che ha trionfato nella categoria “World” alla 45esima edizione del Premio Internazionale della Fisarmonica svoltosi dal 16 al 20 settembre a Castelfidardo in provincia di Ancona. La manifestazione si è svolta quest’anno in maniera diversa rispetto agli anni scorsi per via delle restrizioni dovute alla pandemia Covid-19: dunque è stata realizzata una edizione speciale divisa in due fasi con selezioni attraverso video on line, per le quali per la prima volta nella storia del Concorso, i partecipanti sono stati giudicati dalla Giuria Internazionale collegata in remoto con i 36 Paesi del globo da cui hanno partecipato gli artisti selezionati, e la finale che invece si è svolta con un mix di esibizioni in diretta streaming o con una audizione dal vivo a Castelfidardo.

Diverse le categorie del concorso: Classica, Virtuoso Senior, World Ensemble/Solista, Jazz Ensemble/Solista, categoria Tango Astor Piazzolla Award, categoria Elettronica Gervasio Marcosignori Award e la categoria Tutti Generi Young. Il giovane talento teggianese ha dunque trionfato nella categoria World aggiudicandosi il primo posto, seguito dal duo giapponese Meguree e dall’italiano Matteo Tortora. Un altro importante risultato che conferma il grande talento del giovane fisarmonicista di Teggiano, che ha all’attivo la partecipazione e la vittoria a tanti campionati, la creazione di una sua band e un disco di grande successo che rende omaggio alla musica e alle tradizioni del Vallo di Diano.

“Dedico questo premio – ha scritto Cono sulla sua pagina facebook - a tutte le persone che mi sono state vicino e mi hanno sostenuto, alla mia famiglia e alla mia terra. Sono felicissimo per questo traguardo raggiunto!”.

Antonella D'ALTO

Spettacoli

Sono giovanissimi, talentuosi e con le idee molto chiare. Sono 5 ragazzi valdianesi che formano la band dei Tulipa: Aurora Monaco voce del gruppo, Samuele Petrosino chitarrista e writer, Michele Barrese tastierista, tutti e tre di Sala Consilina, Carmine Quaranta bassista e corista e Valerio Paladino, il più giovane, di appena 16 anni, batterista, entrambi di Polla.

La band nasce nell’estate del 2019 in occasione della manifestazione “Teggiano Porte Aperte” organizzata dai ragazzi del Pomponio Leto. Il primo inedito “Occhi chiusi”, arriva nello scorso mese di dicembre, un tributo alla memoria di Mariano Casale, amico del chitarrista Samuele, scomparso prematuramente in un tragico incidente stradale. Un nuovo brano nasce invece durante il periodo più intenso della pandemia da Coronavirus: “Stringersi Ancora”, un grido di libertà che vuole annullare ogni distanza con il sentimento più importante dell’amore.

Per i Tulipa musica vuol dire libertà di espressione e superamento dei limiti. “Significa – afferma la band - introdursi in una realtà utopica, che spesso ci salva dalla negatività di un mondo in cui a prevalere sono i pregiudizi, i sorrisi a denti stretti e le facce buie di chi bada alla forma anziché al contenuto”. Ed è proprio questo pensiero che sta alla base dell’ultimo singolo dal titolo “Va bene così”, un’analisi sulla società odierna in cui “conta più l’apparire che l’essere”.

Con sonorità alternative/indie rock, i Tulipa con i loro testi vogliono raccontare storie. “Vogliamo esprimere – hanno spiegato  - sia sensazioni comuni che soggettive, utilizzando suoni molto semplici e puliti ma allo stesso tempo, parole forti che restano impresse in chi le ascolta”.

Antonella D'ALTO

Spettacoli

Con la loro bravura, ironia e passione alla fine hanno avuto la meglio sugli altri concorrenti e gli Occasionals si sono aggiudicati la 33esima edizione del Sanremo Rock, la cui finalissima si è svolta sabato scorso al Teatro Ariston di Sanremo.

“Torniamo a casa – scrivono sui social - con il titolo di Vincitori Assoluti della categoria Trend e con il premio Assomusica per la migliore esibizione live. Questi premi sono per voi, che ci seguite con passione ed affetto da 9 anni, ma sono soprattutto per chi ci ha sempre snobbato, credendosi già arrivato. Per noi invece il vero percorso di crescita inizia solo adesso”.

Questa vittoria consentirà agli Occasionals si esibirsi per l’apertura del concerto di uno degli artisti che saranno sul palco il prossimo anno a Firenze Rocks, tra cui Vasco Rossi e Red Hot Chili Peppers. Un successo ottenuto grazie al brano pungente ed ironico “Distinti salumi”, composto dalla band guidata da Domenico Petrilli, originario di Atena Lucana.

Antonella D'ALTO

Spettacoli

the occasionals sanremo

“Siamo tra le 16 band passate alla finalissima di Sanremo Rock, prevista questa sera al Teatro Ariston di Sanremo. Siamo felicissimi e vogliamo ringraziare tutti coloro che ci hanno sostenuto”. Così Domenico Petrilli di Atena Lucana, voce degli The Occasionals, annuncia l’approdo all’importante traguardo che potrebbe aprire loro le porte del successo nazionale e internazionale.

La band composta da Domenico Petrilli (Atena Lucana)  - Voce, Mario Tortoriello (Caggiano) – Chiatarra Acustica e cori, Marco Bonelli (Montesano S.M.) – Chitarra elettrica, Matteo Cannazza (Lecce) – Basso elettrico, Biagio Mazzafera (Castrovilari) – Tromba, Niccolò Maggi (Siena) – Batteria, Andrea Frosolini (Grosseto – Violino) stasera dunque riproporrà alla Giuria di Sanremo Rock il brano “Distinti Salumi” con l’obiettivo di aggiudicarsi la vittoria di questa 33esima edizione del Festival.

 

Ultime Notizie

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie da questo sito.