11.7 C
Sassano
martedì, 4 Ottobre, 2022
spot_img
spot_imgspot_img
More

    Ultimi articoli

    Vibonati, morte improvvisa per un vigile dopo la vaccinazione. Disposta autopsia

    {vimeo}524243555{/vimeo}

    Dolore a sconcerto ieri a Vibonati dove un vigile urbano in servizio nella città balneare è deceduto sembrerebbe a causa di un infarto nella propria abitazione. Una morte improvvisa che ha suscitato preoccupazione e necessità di chiarimenti anche perché l’uomo, 62enne, è deceduto qualche ora dopo essersi sottoposto alla vaccinazione contro il covid.

    L’uomo Michele Quintiero, particolarmente amato a Vibonati e nei centri del Golfo di Policastro, come tutte le forze dell’Ordine, nella giornata di ieri era stato sottoposto a vaccinazione contro il Covid, ricevendo una dose di Pfizer, unico vaccino utilizzato dai sanitari dell’ospedale di Sapri per la campagna e non il siero AstraZeneca, al centro delle polemiche di questi giorni tanto che proprio nella giornata di ieri l’AIFA ne ha sospeso l’utilizzo per una verifica più approfondita sugli effetti. Da una prima ricostruzione pare che l’uomo sia stato colpito da un arresto cardiaco che lo ha portato alla morte.

    Vista però la vicinanza tra la vaccinazione ed il decesso, i carabinieri della locale stazione, giunti sul posto, hanno provveduto al sequestro della salma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ha deciso di avviare un’inchiesta su quanto accaduto per appurare le esatte cause della morte del vigile al fine di escludere o accertare eventuali correlazioni tra vaccinazione e decesso. Il corpo del 62enne vigile, infatti, è stato trasferito presso l’ospedale di Lagonegro dove si attende l’effettuazione dell’autopsia per chiarire cosa abbia effettivamente provocato l’infarto che ha poi portato alla morte dell’uomo amato e ben voluto da tutti.

    Da più parti arrivano comunque notizie che allontanerebbero l’ipotesi di una relazione causale tra vaccinazione e sopravvenuto decesso, come sottolineato anche dal direttore sanitario dell’Ospedale di Sapri Rocco Calabrese. Pare infatti che, nella giornata di ieri presso lo stesso presidio e con lo stesso farmaco sono state vaccinate un’altra 80ina di persone. Ciascuno di loro pare goda di buona salute e non abbia riscontrato sintomi o problemi di alcun genere dopo al somministrazione del vaccino.

    Anna Maria CAVA

    Latest Posts

    spot_imgspot_img

    Da non perdere

    Resta Aggiornato

    Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sugli ultimi articoli